La Mandragola al Teatro Goldoni – Nuovo allestimento della Compagnia delle Seggiole
Autore: Nick | Data di Pubblicazione: 20 ott, 2013 Ora: 02:56 PM | Categoria: Eventi, Mostre e Spettacoli, Teatro | Leggi i Commenti

La Compagnia delle Seggiole
con la partecipazione di
Fondazione Teatro della Pergola

presenta

LA MANDRAGOLA
di Niccolò Machiavelli

la-compagnia-delle-seggiole-teatro-goldoni-firenze

Dopo 10 anni di rappresentazioni consecutive La Compagnia delle Seggiole propone un nuovissimo allestimento de La Mandragola di Machiavelli.
In concomitanza con la mostra “La via al Principe: Niccolò Machiavelli da Firenze a San Casciano” presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

Può davvero diventare un’ossessione il non riuscire ad avere un figlio che garantisca la continuità del casato, ma non al punto di dover morire, pur di averlo, prima del tempo. Se però la vita può lasciarcela un altro…. Così Messer Nicia, che si crede furbo, si fa coinvolgere da chi furbo lo è davvero in una beffa erotica dal vago sapore boccaccesco. Nonostante la materia leggera, il Machiavelli comico non si smentisce quale autore de Il Principe: persevera nello smascherare l’ipocrisia di autorità intoccabili come la chiesa o la famiglia nella Firenze rinascimentale; dimostra ancora una volta che nella conquista di qualcosa cui si tiene davvero, non importa se si tratta di una donna o di un principato, le regole del gioco sono sempre le stesse.

Prende le mosse con una tre-giorni dedicata a Machiavelli, giusto mentre declina l’anno de Il Principe, l’impegno della Fondazione Teatro della Pergola nell’attività del Teatro Goldoni: un piccolo segnale di avvio in attesa dei programmi 2014, che si vanno concordando con il Maggio Musicale Fiorentino. Si parte con il “progetto Mandragola”, nato nel 2003 dalla volontà della Compagnia delle Seggiole di proseguire la tradizione dell’allestimento storico che dell’opera di Machiavelli andava regolarmente in scena al Teatro dell’Oriuolo, e divenuto man mano un marchio di fabbrica di questo spazio che tanto ha dato alla Firenze teatrale, riportandolo nella sua cornice estiva, il Museo Nazionale del Bargello. Il Teatro della Pergola ha fin da subito sostenuto questa volontà nei successivi dieci anni, che hanno visto La Mandragola sbarcare persino in Giappone, nel 2009. Proprio in occasione del decennale la Compagnia con il suo capocomico Fabio Baronti ha deciso di dar vita a un allestimento completamente rinnovato del testo, con la regia di Claudio Spaggiari: la Pergola ha ritenuto naturale che il debutto di questa nuova versione fosse il segno iniziale del suo impegno nelle attività del Teatro Goldoni, gioiello d’Oltrarno che si auspica possa far rivivere le gesta di quell’Oriuolo che fu casa della Mandragola.
Felice concomitanza è quella con la mostra della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, che permette di dar vita a giornate interamente dedicate a Machiavelli: Fabrizio Gifuni, in scena alla Pergola la settimana precedente con ‘Na specie de cadavere lunghissimo, si impegnerà in una lettura proprio del Principe di Machiavelli, del quale ha realizzato un audiolibro pubblicato da Loescher come supplemento all’edizione del testo. Insieme a Riccardo Bruscagli, introdurranno la mostra La via al Principe: Niccolò Machiavelli da Firenze a San Casciano che si aprirà il giorno successivo alla Biblioteca Nazionale. Nel percorso della mostra si troveranno anche alcuni dei costumi disegnati per La Mandragola da Giancarlo Mancini.

La Compagnia delle Seggiole
Nata nel 1999 la Compagnia delle Seggiole riunisce un gruppo di attori provenienti da varie realtà toscane e di diversa formazione. Specializzata nel teatro di parola, preferisce mettere al centro della scena l’attore, circondato da scenografie scarne: al più gli interpreti possono servirsi di qualche sedia (da qui il nome). Gran parte dei suoi lavori sono stati effettuati in luoghi altri rispetto allo spazio scenico, privilegiando monumenti, ristoranti, ville, edifici storici della città di Firenze e non solo. Dal 2003 la Compagnia si è specializzata nelle cene con radiogialli, in particolare nella lettura dei “Radiogialli” di Ellery Queen da proporre al pubblico di commensali di diversi ristoranti toscani. A concludere la serata il rumorista mostra dal vivo come venivano riprodotti suoni e rumori nelle vecchie trasmissioni radiofoniche. Una lettura radiofonica particolare è stata presentata nel 2011 presso lo storico Studio C della Sede Rai per Toscana: la Compagnia ha registrato in diretta “La parola ai giurati” di Reginald Rose (regia di Claudio Spaggiari) in occasione della Festa della Toscana. L’altro “fiore all’occhiello” della Compagnia delle Seggiole sono le visite-spettacolo, altrimenti chiamate “viaggi teatrali”, spettacoli scritti appositamente per i luoghi in cui venivano rappresentati. Il primo viaggio teatrale è giunto al suo ottavo anno di repliche ininterrotte continuando a riscuotere grande successo: la visita all’interno del Teatro della Pergola, infatti, permette agli spettatori di addentrarsi nei luoghi più segreti e fascinosi dell’antico teatro fiorentino alla scoperta di storie e personaggi famosi. Ancora più esclusivo è il Monastero della Certosa del Galluzzo, dove da 7 anni la Compagnia organizza la visita insieme ai monaci cistercensi, oggi abitanti il bellissimo complesso, per raccontare le scelte e le difficoltà di coloro che decidevano di votarsi a Dio. Negli ultimi anni la Compagnia ha avuto occasione di scoprire le storie di altri luoghi magnifici della città e di raccontarle al suo affezionato pubblico, a volte portandolo in spazi poco conosciuti. Tra questi l’Istituto degli Innocenti, il Corridoio Vasariano, la Biblioteca Nazionale, Palazzo Davanzati e Casa Martelli. Innumerevoli sono gli altri spettacoli-evento che la Compagnia continua a organizzare, sempre sulla linea della novità e originalità. Tra questi ricordiamo: il “Banchetto futurista”, realizzato in occasione del centenario del manifesto futurista di Marinetti in collaborazione con lo storico Caffè Ristorante Giubbe Rosse di Firenze, “Voci in vetrina”, letture di brani di libri eseguite dalla vetrina della libreria Edison Bookstore di Firenze per deliziare i passanti durante i pomeriggi del periodo natalizio, il lavoro in collaborazione con il giornalista Marcello Lazzerini (autore dei testi) “Accendi la fantasia. Conversazioni (in)credibili con i Protagonisti della Storia”, interviste “impossibili” a personaggi quali Carlo Lorenzini, Galileo Galilei, Amerigo Vespucci e Monna Lisa a cui si è aggiunta una curiosa intervista al “ventaglio”, e l’omaggio alla coppia Paolo Stoppa e Rina Morelli con le letture dei famosi sketches radiofonici “Eleuterio e Sempre Tua” (a cura di Sabrina Tinalli). Infine per il teatro ragazzi hanno letto brani del primo numero del “Giornale dei Ragazzi” (del 7 luglio 1881), all’interno del quale compariva la prima puntata di “Pinocchio” di Carlo Lorenzini, per celebrare i 130 anni del burattino (2011) e hanno realizzato due spettacoli presso il Teatro della Pergola: la lettura radiofonica “Pinocchio non c’è” (2012) di Orvelio Scotti, oggi inserita nei progetti per le scuole, e la lettura radiofonica drammatizzata “Sussi e Biribissi” (2013) di Collodi nipote (Paolo Lorenzini).

Biglietteria: Ingresso platea: intero 15 euro; ridotto 12 euro
Ingresso palchi: intero 12 euro; ridotto 10 euro
Riduzioni: abbonati Pergola/under 26/over 60/Soci Coop/CRALgiàBT/CRAL ASF
Quando: sabato 7 dicembre 2013 – ore 20.45 e domenica 8 dicembre 2013 – ore 16.45
Dove: Teatro Goldoni – Via Santa Maria, 15 – Firenze – biglietteria@teatrodellapergola.com
Per info: www.fondazioneteatrodellapergola.it
Biglietti: www.boxol.it

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: - Fin da piccolo appassionato a tutto ciò che è spettacolo, comincia la sua carriera come presentatore di fenomeni da baraccone. In questa veste viene notato da un noto talent scout di Mediaset che gli propone un programma televisivo in prima serata. Sedotto dalla figlia di questi, commette l'errore di metterla incinta. Immediatamente diseredato dall'incarico, viene retrocesso al ruolo di "curatore d'immagine" di Cesare Cadeo. Oggi arrotonda lo stipendio, per altro molto misero, curando la sezione Mostre e Spettacoli per FirenzeDaBere.

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com


*