PITTI IMMAGINE UOMO 77: moda, stile, crisi, eccessi… Ma sempre e comunque un dorato mondo fashion!
Autore: Staff | Data di Pubblicazione: 18 gen, 2010 Ora: 10:27 PM | Categoria: Eventi, Lifestyle | Leggi i Commenti

Chiusi i giochi di questo Pitti immagine Uomo 77, come al solito si ripropongono i tormentoni che ormai da anni accompagnano l’evento: la crisi, la recessione,’ l’ultimo Pitti a Firenze’ e tutto il carico emotivo-emozionale con cui si vuole dare una veste romantica oltre che economica all’evento. La verita’ e’ che Firenze ha bisogno del Pitti tanto quanto Pitti ha bisogno di Firenze: binomio inscindibile e senza il quale la citta’ perderebbe un evento straordinario e unico, l’evento perderebbe la citta’ piu’ bella del mondo. Morale della favola: si continua cosi’, che e’ meglio per tutti.

Noi ne abbiamo approfittato, cercando il piu’ possibile di coinvolgere tutti gli amici di FirenzedaBere.it nel tentativo di mettervi in contatto con i promoters e le agenzie incaricate dei vari eventi collaterali a margine di sfilate, presentazioni ed happening.
L’avesse fatto qualcuno per noi, in passato, avremmo vissuto molto meglio quelle drammatiche passeggiata al freddo ed al gelo dei nostri inverni in cerca di una festa che accogliesse la nostra verve. Memori di quel passato drammatico, abbiamo cercato di fare in modo che a nessuno succeda piu’ quello che l’atroce destino aveva riservato a noi. Restare fuori da Luisa in via Roma e’ una cosa che non vogliamo succeda piu’ a nessuno!
Chiusa la parentesi di questa fantomatica mission sociale con cui noi ci poniamo come tramite tra Firenze e il Pitti Uomo, eccoci alle feste.

Da martedi’ a venerdi sera, una moltitudine di eventi si e’ succeduta senza tregua, e noi abbiamo cercato in tutti i modi di partecipare.

Il Reportage delle Piu’ Belle Feste di questo Pitti 77 con foto e video

Si comincia martedi’, con l’ormai storico evento di Luisa in via Roma. Mai banale, come sempre affollato e drammaticamente complesso nella gestione file e movimento. Esci da li’ con la sensazione che si ha quando giochi a calcio sotto la pioggia: li per li’ non te ne accorgi, ma quando finisce sei totalmente distrutto. La sera, alle Pagliere, l’evento Roy Rogers ha poi catalizzato l’attenzione mondana della serata.

Mercoledi’ si entra gia’ nel clou: Serata PHONZ SAYS BLACK al Palace Club e soprattutto lo storico ALTRO UOMO PARTY al Tenax. Entrambi gli eventi fortemente caratterizzati dalla musica, entrambi su ambiti musicali molto ‘deep’.
Al Palace ambiente musicale carino, meno ‘Pitti’ degli altri eventi rivolgendosi piu’ spiccatamente ad un pubblico giovane e fiorentino. Ma ne esce comunque una serata con un buon successo e gradevole.

Chi invece non ha piu’ il fascino e la verve di epoche passate e’ l’Altro Uomo Party. In passato evento clou delle notti del Pitti, vive oggi una fase di ‘rilassamento’, cosa ovvia visto che anch’esso, alla stregua di tutto cio’ che riguarda il Pitti uomo, e’ succube delle mode e delle tendenze.
Caratterizzato quest’anno dalla presenza del Deejay Time (Albertino e Fargetta) nonche’ della celebre Skin degli Skunk Anansie, e’ andato incontro a quel tipo di pubblico che ama le atmosfere tecno house che spesso caratterizzano le serate del Tenax.
Grande scalpore ha destato poi l’arrivo in consolle della cantante inglese, arrivata con due ore di ritardo, la quale, rivendicando la propria origine da disc jockey, ha cominciato a smanettare in consolle con la stessa praticita’ di un bimbo con lo xilofono. Lei e’ una grande cantante, e su questo non si discute, ma come Dj vale piu’ o meno quanto Giletti come presentatore. Un abominio.

Giovedi sera invece e’ stata la serata davvero ‘fashion’, contraddistinta da quelli che a nostro giudizio sono stati i due eventi piu’ coinvolgenti di tutto il palinsesto mondano del Pitti: il Keep Wild Party al Loft Ferre’ e il GET DANCIN’ – 80′s Party all’Obika, entrambi in via Tornabuoni.

Cosi’ vicini eppure cosi’ lontani: il Keep Wild contraddistinto da una decisa sterzata verso il ‘Minimal’, toni scuri, luci basse, atmosfere dark e sonorita’ elettro.
Musica adeguata al contesto, ma clima comunque mondano e piacevole.

Atmosfera ben diversa al Get Dancin’: festa a tema anni ’80, con il ritorno in pista per l’occasione di un trio monumentale sulla scena dance fiorentina, cioe’ i mitici fratelli Presta, accompagnati da una delle icone piu’ rappresentative di quel decennio: Gazebo, in ottima forma e spaventosamente somigliante a Warren Beatty. Il cantante tira fuori una breve ma godibilissima performance con i suoi pezzi ‘cult’, quali ‘ I like Chopin’ , ‘Dolce Vita’… e intanto tutta l’atmosfera e’ pervasa da simboli di un’epoca, mirrorballs, foto e riferimenti che provocano suggestione, come il simbolo di ‘Tutto musica e spettacolo’ che ogni tanto faceva capolino. Serata molto ben riuscita.

Il cerchio si chiude quindi venerdi’ sera con l’Evento Guess, gran finale di questa edizione del Pitti. Marchio internazionale e rinomato per una festa che vuole lasciare il segno.
Ci riesce in parte, forse molto piu’ caratterizzata dagli eventi pomeridiani (le sfilate) piuttosto che dall’happening serale. La location e’ la stazione Leopolda, ambiente delicatissimo per un party: grande, alta, reperto d’archeologia industriale da rendere gradevole e glamour. Se non e’ chiaro, diciamolo in maniera esplicita: non e’ la nostra location preferita, e’ facile che un evento ospitato da questa struttura, soprattutto se di natura mondana, ne esca molto ridimensionato.

L’evento Guess esce ridimensionato piu’ che dalla Leopolda, dalla gestione della serata stessa: servizio bar esaurito gia’ prima dell’una, musica a volume basso per non svegliare la vecchietta del piano di sopra(..), stop alle danze alle 1:45.

Ci aspettavamo qualcosa in piu’, ma bisogna dire, ad onor di cronaca, che l’allestimento scenografico ha retto bene l’impatto: Guess punta sempre a stupire, a cercare di affermare un primato nel settore anche con scelte stravaganti. La serata dal punto di vista dell’intrattenimento lascia a desiderare, ma per quel che concerne l’allestimento, tanto di cappello.

E dunque ci si risveglia, sabato, come se si fosse tornati dalla gita scolastica. Il grande circo di Pitti Uomo chiude i battenti in attesa dell’edizione del Soltizio d’estate.
Si potrebbe facilmente salire sul carro dei catastrofisti e parlare di edizione sotto tono, di segnali scoraggianti, di ridimensionamento dell’evento rispetto allo sfarzo degli anni passati.

La verita’ e’ che Pitti immagine uomo e’ un evento internazionale che riflette gli umori e le sensazioni di un mercato che ha risentito dei venti di crisi economica molto pesantemente. Ciononostante, la rassegna e’ stata sempre all’altezza, magari piu’ pragmatica e meno sfiziosa, in attesa che passino le nubi.
Pitti immagine Uomo e’, e rimane, un simbolo di Firenze nel mondo. Quindi, ora come ora, non c’e’ errore piu’ grande che parlarne male. Quando poi le nubi saranno gia’ piu’ in la’, potremo anche sbizzarrirci nel cercare pregi e difetti.
Noi, oggi, promuoviamo l’evento. Ed e’ promozione sia nel senso scolastico, sia nel senso propagandistico della parola.

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: - Cronache di Avventure di un gruppo di ex-ragazzi che non vollero crescere.. Alla ricerca del divertimento perduto in questa meravigliosa Città. Firenze, la Firenze dei locali, la Firenze della Notte, la Firenze austera e quella frivola, la classica e la moderna.. Tutto assieme in un unico, immenso, Show. Firenze, Firenze da Bere, Firenze come non l'avete mai gustata. Qui i frutti di lunghe serate trascorse ad un tavolo per decidere "Dove si va?", scegliendo poi magari il posto dove si era già detto di "metter sù la croce". Surreali, irriverenti, goliardici, scanzonati. Nasce così questo Meraviglioso Cocktail, Tutto da Bere... Cercavamo un modo per avere qualche impegno diurno, nell'attesa logorante della Notte. Ecco, lo abbiamo trovato!!

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com


*