CIELO: Funziona. Ma non chiamatelo NOVITA’
Autore: Fel | Data di Pubblicazione: 19 dic, 2010 Ora: 10:05 PM | Categoria: Discoteche e Club, Locali | Leggi i Commenti

Ad un mese e mezzo dalla sua inaugurazione, il Cielo Disco Club ha indubbiamente messo il proprio nome tra quelli dei locali fiorentini più chiaccherati (o per meglio dire, sulla bocca di tutti). Ovvio che il successo di pubblico, unito all’operazione mediatica accurata, sono stati i due maggiori fattori che hanno contribuito alla buona riuscita di questo nuovo progetto della squadra di “Stranomondo”.

Il locale piace, e piace soprattutto a quel pubblico che oramai Leandro Bisenzi, patron di Cielo Disco Club, si è conquistato negli anni, e che si porta dietro esperienza dopo esperienza. Un pubblico – lo diciamo per meglio definire le caratteristiche intrinseche del locale – attento al momento e alla volubilità del presente, definiamolo pure “on line”, accurato più che curato, con un occhio sempre attento allo stile ma senza sofismi stilosi.

Il locale piace per quella dimensione “di tendenza” che ha saputo cucirsi addosso fin dall’inaugurazione, è giusto dirlo, ma attrae i suoi frequentatori principalmente per la programmazione musicale.

Per questo è onesto dire che “funziona”. E funziona pure bene.

Certo è, però, che un locale non è fatto solo di astrazioni volubili, ma anche e soprattutto di scelte e di direzioni scelte. E allora, dopo cinque o sei settimane di messa in onda, ci si può anche sbilanciare nel dire che forse ci si attendeva di più.

Ci si attendeva di più, in primo luogo, dalla location. Il vecchio “Palace” (già tante altre cose, negli ultimi lustri) chi più, chi meno, tutti lo abbiamo conosciuto: almeno una volta. Partire nella “mission” di lanciare “Le Nouveau Disco Club en Florence”, slogan del Cielo, basandosi su un locale che negli ultimi anni, tra alterne fortune certo, ma che comunque è stato accessibile al pubblico, sicuramente non era cosa facile. Ma proprio per questo, la curiosità della novità faceva pensare a qualcosa di rivoluzionario nell’ambientazione.

Cosa che di fatto è stata invece trattata in modo marginale. Che la particolarità della struttura si potesse sposare bene alla tipologia “club”, lo si sapeva. L’edificio infatti è una palazzina recuperata, con tre livelli e una scala centrale a doppia rampa che li collega. Gli ambienti, da entrambi i lati della scala, si differenziano per luce, sound e funzione: una sala relax al piano terreno; una dance floor al primo piano, accompagnata da un’area bar; e una sala speciale al piano secondo, con opposta una saletta lounge completata da un piccolo bancone bar.

Tuttavia, la scelta di lasciare sostanzialmente inalterata tutta la definizione degli spazi e degli ambienti, sia i più piccoli che i più grandi, è sembrata a molti una “non scelta”. Per la serie: si và, si entra, si esce, e si dice: “Va beh, il solito Palace”.

Anche volendo considerare il nuovo arredo, caratterizzato da quei divani e complementi d’arredo in questo stile boh, chiamiamolo “barocco contemporaneizzato” – vedi i divani del rooms club, per capirsi meglio – che hanno dato quel tocco di “particolare curato su sfondo trasandato”; non si può dire che il Cielo si sia confermato con quel piglio nuovo che sembrava potesse avere.

Anche sul bar, ci si aspettava qualcosa di più rispetto a quanto trovato. Molti ingredienti assenti, niente pestati o frozen, e una generale mediocrità in ciò che viene servito – anche volendo considerare la connotazione disco del locale, che ci ha abituato, purtroppo, ad attendersi poco – non era attesa. Il bar del secondo piano, poi, praticamente abbandonato a se stesso.

Inoltre la fluidità del locale manca, di fatto lasciando i soliti problemi del vecchio palace inalterati (zone vuote e zone affollatissime, tutti bloccati alle scale, etc.). E anche il piazzale antistante, è apparso come una quadro lasciato spoglio; mentre invece poteva essere il vero volto col quale Cielo Disco Club poteva interfacciarsi con la città.

Sulla gestione interna del pubblico, file lunghe a inizio serata col locale semi-vuoto, selezione all’ingresso fatta a sprazzi (che è la cosa peggiore perchè o la si fa o non la si fa, in quanto l’ambiente variegato piace poco allo sportivo così come al fighetto), e quant’altro non allungo troppo il discorso; ma non è sembrata all’altezza delle aspettative.

Insomma, per chiudere, da questo Staff, che in passato tante ottime cose ha proposto, ci si aspettava qualcosa di nuovo, così come “Rooms Club” a suo tempo fu un qualcosa di diverso e unico, piaccia o no, nel panorama fiorentino. Anche se non è detto che ciò non possa succedere nei prossimi mesi.

Per quanto riguarda la programmazione il giovedì è notte “Diamante”, il venerdì è “Bahn Der Beats” – all’insegna dalle sonorità tech-house ed elettroniche di Londra, Berlino ed Amsterdam – e sabato “Bitch 419”, one-night vietata ai minori.

Ingresso (inclusa drink):
- entro le ore 24: 12 euro
- dopo le ore 24: IN LISTA uomo 14 – donna 12
- ore 01:30 CHIUSURA LISTE Intero uomo 16, donna 14

Cielo Disco Club – via Mannelli, 185 – Firenze
Per info: Ven 333.30.64.815 – Sab 339/42.52.771 (Lorenzo Guarnieri) – 338/750.75.62 (Filippo Bruni)
Web site: www.cielofirenze.it

Voto: come per gli studenti insufficienti ma dai quali ci si attende ancora molto, rimandato ma non bocciato.

Fel.

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: - Di origine sconosciuta, millanta da sempre natali alle isole Bahamas. Giunto a Firenze ancora in fasce, si orienta su studi artistici e di design. Parallelamente, sfruttando le uscite serali tra amici, matura un senso critico per l'organizzazione di eventi e la gestione dei locali (dicesi comunemente "rompi b****"). Sempre dalla parte dei clienti (e dei lettori di FirenzeDaBere) nello scrivere recensioni, pensa erroneamente che a qualcuno importi qualcosa di quello che scrive.

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com


*