Cocktails da calura estiva: lime, zucchero e ghiaccio tritato
Autore: lorenzo | Data di Pubblicazione: 7 Lug, 2008 Ora: 11:00 PM | Categoria: Locali | Leggi i Commenti

Anche voi vi siete lamentati dei week-end con la pioggia di maggio e giugno ed ora le lamentele si sono spostate sul caldo torrido di questo luglio estivo? Ma dai, sempre a lagnarsi…
Di sicuro, col caldo, oltre che i locali, mete delle peregrinazioni notturne, cambiano anche i cocktails. Almeno per quanto mi riguarda, ho notato che sono passato da quelli dolci e profumati a quelli che aggiungono al sapore la capacita’ di ghiacciarmi la gola.
Ed allora, in merito a questo, possono aiutare i frozen – che pero’ io ho sempre paragonato a granite uscite male – o meglio quei cocktails che sono caratterizzati dal ghiaccio tritato come mojito, caipirinha, caipiroska e caipirissima…

CONTINUA…

Li metto assieme perche’, nonostante sapori che spesso non hanno nulla a che vedere l’uno con l’atro, condividono tutti e quattro la base di lime e zucchero di canna, che in ogni caso persiste anche nel sapore, e il ghiaccio tritato in piccoli pezzettini in modo comunque da conservare l’irregolarita’ del composto (a differenza dei frozen che invece puntano su un prodotto che alla fine esce omogeneo e ben amalgamato).

Il ghiaccio tritato, fino a ridurlo in piccoli pezzettini, consente di poterlo anche tenere in bocca per refrigerarsi dalle calde temperature estive. Pare una sciocchezza, lo so, ma solo perche’ adesso lo state leggendo comodamente seduti a casa e magari, spero per voi, in un ambiente climatizzato a dovere..

Ma andiamo con ordine e descriviamo nello specifico i quattro cocktails in questione:

Mojito:

zucchero di canna
foglie e rametti di menta
succo di lime
rhum chiaro
acqua tonica
ghiaccio tritato

Direttamente in un tumbler basso si inseriscono la menta, il succo di lime e lo zucchero di canna e con un pestello si schiaccia la menta (particolarmente i rametti che posseggono molti olii essenziali) verso il bordo del bicchiere amalgamandola con lo zucchero di canna e il succo di lime.
Si aggiunge poi il rhum in modo da omogeneizzare il composto. A questo punto si inserisce il ghiaccio tritato e l’acqua tonica fino a colmare il bicchiere. Si guarnisce con foglioline di menta.
Ovviamente, essendo il cocktail molto semplice nella sua composizione, le quantita’ degli ingredienti sono molto variabili a seconda dei gusti personali.

Caipirinha:

zucchero di canna
lime tagliato a spicchi
cachaca (distillato di canna da zucchero)
ghiaccio tritato

Anche qui direttamente in un tumbler basso o old fashioned che si voglia, si inseriscono gli spicchi di lime e lo zucchero di canna che vengono pestati assieme.
Si versa a questo punto il ghiaccio tritato e si colma poi il bicchiere con la cachaca, fino all’orlo.
Naturalmente le decorazioni rispettano la chiara atmosfera estiva: quindi tanta frutta fresca a pezzi.

Versioni derivate dalla caipirinha sono:

Caipirissima – e’ la versione piu’ comunemente usata in Italia per fare la Caipirinha, perche’ sostituisce la cachaca con il piu’ comune rhum. Molto spesso noterete che ordinando una caipirinha vi faranno una caipirissima, senza nemmeno dirvelo…

Caipiroska – realizzata semplicemente sostituendo la cachaca o il rhum con la vodka. Varianti della Caipiroska sono poi quelle a base di frutta (le piu’ frequenti utilizzano fragole, melone, kiwi in succo, sciroppo o frullato): in questo caso la componente di frutta viene inserita ad inizio preparazione e pestata assieme agli spicchi di lime ed allo zucchero di canna.

Fel.

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: -

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com