In Centro di Notte: storie di ordinaria follia
Autore: lorenzo | Data di Pubblicazione: 16 ott, 2008 Ora: 11:41 PM | Categoria: Locali | Leggi i Commenti

Riporto fedelmente – o per meglio dire, cosi’ come sono state riportate dagli organi di stampa ufficiali – un paio di ‘storie di ordinaria follia’ capitate in questi giorni nelle notti del Centro Storico Fiorentino, senza commenti o riflessioni personali.
Non tracciano un quadro, ed anzi sono solo eventi eccezionali (e meno male!!!) ma servono per far capire come il Centro Storico, e tutti coloro che la notte vi si riversano – come capita anche a noi – per passare quanche ora di svago, abbia bisogno di tutele.
Tutele che per troppo tempo si e’ pensato garantire attraverso la chiusura dei locali e che, invece, hanno provocato appunto quella ‘desertificazione’ che e’ ambiente prediletto per episodi che con il divertimento non hanno niente a che vedere…

La cronaca…

CONTINUA…

Firenze, 16 ottobre 2008 – E’ stato colpito con piu’ coltellate per ritorsione l’autista del cantante statunitense di hip hop Mario Barrett. L’uomo, un fiorentino di 36 anni, avrebbe impedito a due giovani di raggiungere nel camerino il cantante dopo la sua esibizione nella discoteca fiorentina Maracana’. Sarebbe questo, stando alle prime indagini della squadra mobile, il motivo dell’aggressione subita la notte scorsa a Firenze, in via Faenza, dal 36enne, poi ricoverato in ospedale in prognosi riservata. L’uomo non sarebbe in pericolo di vita.

L’aggressione e’ avvenuta intorno alle 3, quando il trentaseienne e’ tornato in auto, una Fiat Scudo, davanti al locale per prendere a bordo il cantante e la sua guardia del corpo. Un gruppo di una decina di giovani, presumibilmente albanesi, ha prima circondato la macchina tirando calci e pugni al veicolo, quindi ha colpito
l’autista alla testa con una bottiglia e poi lo ha ferito al petto e alla schiena con piu’ coltellate. Infine la fuga.
Nessuna conseguenza invece per l’artista che, insieme alla guardia del corpo, e’ riuscito a rientrare nel locale
dove si era esibito, unica tappa italiana del suo tour europeo.

Da quanto emerso prima dell’aggressione in strada, c’era gia’ stata una colluttazione all’interno della discoteca tra l’autista e i due giovani che volevano raggiungere il cantante nel camerino. I due, uno dei quali visibilmente ubriaco, erano stati poi allontanati dal locale personale di servizio della discoteca.

Dopo questa rissa la discoteca Maracana’ restera’ chiusa cinque giorni. La decisione di far cessare l’attivita’ del locale e’ stata presa per motivi di sicurezza e ordine pubblico dal questore di Firenze, Francesco Tagliente, che ha disposto la sospensione temporanea della licenza.
Il provvedimento, spiega la questura, si e’ reso necessario anche per il comportamento tenuto nella circostanza dai gestori della discoteca, che hanno contattato il 113 solo quando c’e’ stata l’aggressione in strada, anziche’ farlo subito al momento dei primi diverbi scoppiati all’interno.

[Testo tratto dal sito web de La Nazione del 16 Ottobre 2008]

”Cosa c’hai da guardare?” E poi pedate e cazzotti. L’aggressore, un 21enne fiorentino, e’ stato arrestato dagli agenti del commissariato di Oltrarno dopo un mese di indagini ma la vittima di questo pestaggio, un diciottenne, ha gia’ subito tre operazioni e non ha ancora la perfetta
funzionalita’ di un occhio, ferito da una scheggia dell’osso dell’arcata sopracciliare, raggiunta da un violento pugno. In manette, su ordinanza del gip Bagnoli, e’ finito Samuele Luchi, 21 anni, gia’ noto alla giustizia per rissa, lesioni, rapina e per l’assunzione di stupefacenti. La sera del due settembre scorso, davanti al ‘chioschino’ di Piazza Poggi, avrebbe attaccato briga con un gruppetto di ragazzi, alcuni anche minorenni, che stavano per lasciare i giardini a bordo dei rispettivi scooter.
Un’occhiata, uno sguardo, una battuta e nasce una scazzottata.

Secondo quanto ricostruito nell’ordinanza del giudice, prima il 21enne se la prende con P.S., 17 anni: lo insulta, gli tira qualche schiaffo. In difesa del 17enne arriva un amico, di un anno piu’ grande, L.P. Ma Luchi si scaglia furiosamente contro di lui, colpendolo ripetutamente
al volto. Cazzotti che fanno male, tanto che il 18enne rimane a terra, privo di sensi. L’aggressore
fugge, i compagni chiamano un’ambulanza. Per le ferite, il diciottenne viene ricoverato all’ospedale di Santa Maria Nuova dove gli riscontrano la frattura scomposta dell’osso mascellare: successivamente e’ stato sottoposto a tre interventi chirurgici per la rimozione di una scheggia di osso da un occhio.
In base a quanto ricostruito dalla polizia, aggressore e aggrediti non si conoscevano e alla base dello scontro ci fu solo quello sguardo mal interpretato. Il ventunenne adesso e’ accusato di lesioni dolose aggravate. La polizia e’ risalita a lui dopo il riconoscimento effettuato dai ragazzi che hanno assistito all’aggressione.

[Testo tratto da Il Firenze del 15 Ottobre 2008]

Fel.

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: -

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com


*