La domenica al Rifrullo: Domenica Lunatica..
Autore: lorenzo | Data di Pubblicazione: 15 Gen, 2008 Ora: 01:22 AM | Categoria: Locali | Leggi i Commenti

La domenica fiorentina, da qualche anno ormai, si scandisce in rituali storici e consolidati nel tempo, dallo Stadio alle Cascine passando per le Chiese, il Centro Storico, il gelato “maquellobuono” , il centro commerciale, il cinema… Per poi concludere, oramai immancabilmente, nella new entry delle abitudini domenicali: l’happy hour. Il culto per questo rito ha invaso ogni latitudine da Trieste in giu’, e nella domenica trova la sua apoteosi perfetta.
E cosi’, fu Domenica al Rifrullo :un aperitivo.. Per certi versi.. Innovativo.


CONTINUA..

L’happy hour e’ talmente diffuso ed evoluto che gia’ esistono i nostalgici che dicono “non ci son piu’ gli aperitivi di una volta” parlando magari di uno o due anni fa. Ed io tra questi, mi sa.
Le domeniche al Rifrullo sono da diverso tempo uno dei “must” dell’aperitivo fiorentino. Meritavano una visita accurata ed attenta.
Non so se qualcuno di voi c’e’ mai stato al Rifrullo. E’ un locale “storico” tra le viuzze di san Niccolo’, particolare e suggestivo per taluni accorgimenti architettonici notevoli ed intriganti. Appena arrivati, noto una calca di gente niente male davvero:cio’ nonostante si trattasse di una serata piovosa e umidiccia. Entrando, sara’ per l’aria accogliente, la ristrettezza dei passaggi, le luci moderate, l’evolversi del locale attraverso piu’ sale.. E Bosia (l’organizzatore di questa serata)..Ma ho rivissuto , per un attimo, le sensazioni del mai troppo rimpianto Kilimanjaro, meraviglioso locale frutto dell’intuito di Giancarlone Antognoni in Via della Scala ove, qualche anno fa, venivano ospitati degli splendidi e piacevolissimi aperitivi etnici.Il mercoledi’ del Kilimanjaro resta una perla nella storia della Nightlife fiorentina. Spesso ci capita di parlarne tra amici nel ricordarne la bellezza.

Ora, data la prima botta di Amarcord, passiamo alla mera e fredda descrizione. La sala d’ingresso non e’ grandissima, occupata per lo piu’ dal bancone. Sul lato corto della sala si trova un Tv plasma dove vengono trasmessi i posticipi di Sky o giu’ di li’.
Io ho beccato Milan-Napoli, e gia’ solo questo potrebbe essere un motivo per non tornare al Rifrullo..
Sono notoriamente scaramantico.. E sapete come e’ finita..
Tornando a noi, andiamo sui tasti caldi che caratterizzano l’happy hour.
Allora: le bevute. La prima consumazione costa 10(dieci) euro. La seconda 7.

Arginate la vostra sete di paragone. Stoppate le “o” dei vostri “nooooo!!”. Lo so. La prima cosa che pensate e’ “quanto l’Otel?” e la seconda “vabbe’, un aperitivo ostriche e champagne ha tutto il diritto di costare tanto”.
Bene, vi rispondo subito. Ma non utilizzo l’autostrada della polemica provando a fare un paragone con l’Otel, che allo stesso prezzo ben sapete cosa vi offre, ma imbocco invece una strada, sempre a scorrimento veloce, che ben si lega con gli eventi targati Bosia. Non so in quanti di voi si ricordano (o ci sono mai stati) delle domeniche all’Hotel Villa Medici. Avvenivano qualche anno fa.
Signore e Signori, vi garantisco che si trattava dell’Esaltazione ideale dell’Aperitivo domenicale. Si svolgeva in sale maestose e sfarzose, inebriati da giochi di luce e d’atmosfera, tra divani e poltrone d’epoca e luci soffuse per poter ammirare cio’ che ti circondava. Buffet luculliani e orchestra Jazz di accompagnamento a “decoro” di tutto questo . Sapete quale era il prezzo di un Cocktail? Voi penserete:se Rifrullo ne chiede 10, li’ sara’ costato 50.
No. La prima consumazione costava tra 8 e 10 euro, la seconda ancora meno.
Bene, altro omaggio ad un aperitivo storico fiorentino fatto.

Il buffet del Rifrullo e’ praticamente inesistente. E’ un aperitivo che obbliga a cenare altrove, anche se a pranzo sei stato al Matrimonio di Maradona. Assaggi di primi, verdurine fritte,qualche salume e formaggio, con ricambi molto lenti che, a conti fatti, non concedono di assaggiare granche’. Il gran finale e’ poi qualche dolcetto tirato fuori forse per scrupolo di coscienza..
Pero’, a parte quanto detto, va anche dato merito al locale, altamente frequentato ed anche bene, con una fascia d’eta’ sui 25-35, provvisto inoltre di due chicche assolutamente uniche: il giardino d’inverno, a cui si accede tramite una scaletta, molto caratteristico, e, soprattutto, un magnifico caminetto che troneggia in mezzo alla sala principale.

L’atmosfera e’ dunque piacevole, briosa al punto giusto, piuttosto che sonnacchiosa o che si trascina su se’ stessa.
Fatti salvi i gia’ citati difetti, si puo’ in effetti dire che non e’ niente male. La domanda e l’offerta, ancora una volta in questo pianeta perverso, fanno la differenza.
Se lo scopo e’ la serata piacevole e rilassata, a prescindere da tutto il resto, in una atmosfera conviviale e cordiale, il Rifrullo offre una chance di “normalita’” che non e’ poco.
Ma se la vostra idea di happy hour risente di esperienze passate e ben piu’ esaltanti..
Non so perche’, ma credo non vi capitera’, qui, di beccare l’improvvisata ballerina sul bancone sulle note di “please don’t let me be misunderstood”.
La cosa bella e’ che quelle atmosfere, se le volete, potrete trovarle in altri posti. A Firenze.. Almeno un paio…

Il Rifrullo Ristorante e Lounge Bar – Via San Niccolo’, 55/r – zona Oltrarno – Firenze.
Per info: 055 234.26.21
Web site: www.ilrifrullo.com

Voto: 6.5

Obsession

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: -

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com