L’Arte in mostra a Firenze a Marzo: ingresso gratuito
Autore: lorenzo | Data di Pubblicazione: 23 feb, 2008 Ora: 07:55 AM | Categoria: Locali | Leggi i Commenti

A chi dice che l’Arte non e’ per tutti, a chi afferma che mostre e rassegne hanno file troppo lunghe, e a chi si lamenta che Firenze, anche in questo, e’ troppo cara.
FirenzeDaBere decide invece di portarvi in giro per la citta’, attraverso un tour di eventi TUTTI RIGOROSAMENTE GRATUITI, tra le elaborazioni grafiche, filosofiche e moderniste di Adi Da Samraj; le riflessioni urbanistiche della Collezione fotografica Pecci; l’estro degli oggetti del quotidiano di Chema Madoz; e i reperti storici dei giochi dei bambini dell’antichita’.

CONTINUA…

RealismoTrascendentale: l’arte di Adi Da Samraj

Dal 23 Febbraio al 22 Giugno 2008
Al Cenacolo di Ognissanti – Borgo Ognissanti, 42 ang. Piazza Ognissanti – Firenze.
Apertura al pubblico dalle 10.00 alle 17.00 tutti giorni eccetto il mercoledi’.
Ingresso rigorosamente gratuito.

La mostra arriva a Firenze dopo il successo di critica e pubblico ottenuto alla Biennale di Venezia.
Essa comprende quattro grandi opere di impatto visivo; lavori realizzati negli ultimi due anni utilizzando una serie di mezzi digitali.
L’artista newyorkese viene infatti da un percorso di vita che in oltre 30 anni lo ha portato ad esplorare nuove forme di tecnologia digitale, producendo immagini che racchiudono i suoi insegnamenti filosofici e religiosi, le sue predisposizioni narrative e teatrali, la sua sensibilita’ estetica Modernista.

La scelta del luogo espositivo non e’ casuale.
Infatti Cristina Acidini, Soprintendente per il Polo Museale di Firenze, scrive: ‘..le pareti bianche e lunghe del Cenacolo offrono il massimo risalto a queste partiture vibranti: semmai, una tensione dialettica si crea con L’Ultima Cena del Ghirlandaio – 1488 ndR – nella parete di fondo, solenne e pacata espressione della pittura sacra rinascimentale. Ma la segreta e sottile amicizia tra due linguaggi artistici fondati sui medesimi principi di armonia e purezza fa di questa tensione un’attrattiva in piu’, da godere come un esperimento ben riuscito..’.
Anche lo stesso Adi Da Samraj afferma: ‘L’arte che io creo ha un senso profondo. Per questo puo’ essere vista nella sua interezza solamente in un contesto che supporti le sue finalita’… un tempio, o una chiesa, sono luoghi culturalmente e artisticamente vocati ad aprirsi su un qualcosa che e’ oltre…uno spazio di trasformazione di vita, allo stesso tempo profondamente protettivo ed esigente.’

Per info: 055 051.63.61 (inverno a FI) oppure 055 23.88.720 (Cenacolo Ognissanti)
Web site:
www.invernoafirenze.it

Note Urbane – Souvenir dalla Collezione del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci

Fino al 23 Marzo 2008
Al Centro per l’Arte Contemporanea ‘Luigi Pecci’ – Viale della Repubblica, 277 – Prato.
Apertura al pubblico dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 19.00 tutti giorni eccetto il martedi’.
Ingresso rigorosamente gratuito.

A seguito del successo della mostra di una selezione di opere della Collezione presso il MoCA di Shanghai, e in linea con le ultime piattaforme espositive dei piu’ importanti musei internazionali (tra cui il Centre Pompidou e la Tate Modern) il Centro ‘Luigi Pecci’ propone un nuovo allestimento tematico della Collezione.
La mostra comprende una selezione di lavori presenti nella collezione del museo pratese che riflettono la condizione contemporanea della citta’, e dei suoi luoghi di incontro, destituendo da questo incarico i piu’ tradizionali professionisti del settore: urbanisti, architetti, sociologi, opinionisti.
Una mostra fatta di appunti, le opere stesse, che non esprimono tanto una posizione quanto la possibilita’ di riflettere sul piu’ grande fenomeno del nostro tempo: la crescita della citta’.
Tra le opere esposte i recenti ingressi in Collezione dei lavori di Erwin Wurm, Marco Neri, Rainer Ganahl, Valie Export, David Tremlett e, dall’ultima mostra collettiva sull’arte contemporanea dall’ex URSS, ‘Progressive Nostalgia’, Vahram Aghasyan, Olga Kisseleva, Nomeda e Gediminas Urbonas.
All’interno dello spazio collezione in cui sara’ allestita ‘Note urbane’ sara’ presentato il ‘Piccolo gabinetto degli artisti del Giardino di Daniel Spoerri’, prestito a lungo termine dell’artista, in modo da evocare quel passaggio da giardino a citta’ che ha caratterizzato la storia dell’occidente.
Inoltre, la sezione centrale della grande aula sara’ dedicata a Umberto Buscioni dove saranno presentate le cinque grandi tele dell’artista.
Per tutta la durata della mostra sono organizzate ogni Sabato e Domenica alle 17 visite guidate gratuite. Il servizio, che da la possibilita’ di visitare la mostra con la guida di personale specializzato, e’ disponibile gratuitamente e non e’ necessaria la prenotazione.

Per info: 0574 53.18.35 oppure 0574 53.17
Web site:
www.centropecci.it

Poetica – La Stagione della Fotografia Spagnola: mostra di Chema Madoz

Fino al 01 Marzo 2008
Alla Fondazione Studio Marangoni – Via San Zanobi, 19/r – Firenze.
Apertura al pubblico dalle 15.00 alle 19.00 tutti giorni eccetto la Domenica.
Ingresso rigorosamente gratuito.

In mostra i lavori del madrileno Chema Madoz, da sempre al limite tra l’illusione ottica e il fantastico.
‘Niente e’ come sembra’ e l’artista lo dimostra svelandoci alcuni mondi nascosti in oggetti di uso comune. Un paio di forbici, un fiammifero, un bastone da passeggio, familiari a tutti noi, perdono con Madoz il loro significato consueto per essere inseriti in contesti nuovi, che li arricchiscono di altre sembianze.
A tratti l’ironia, a tratti l’assurdo, a tratti il paradosso, sono la chiave di lettura di queste creazioni fotografiche; tutte accomunate da un elegante bianco e nero che lascia libero spazio all’interpretazione.
L’autore ha costruito un linguaggio rappresentativo personale col quale affrontare l’oggetto che ritrae in piu’ modi: senza alterazioni, manipolato e investito di significati diversi dai consueti, oppure privato della propria identita’ e reinventato del tutto.
Il critico Borja Casani descrive cosi’ le sue opere: ‘Analogie visive, metafore, paradossi o metonimie che invitano lo spettatore ad un gioco di poetica percezione e richiesta di una attiva partecipazione’.
La sua arte e’ particolarmente affascinante poiche’ si esprime attraverso oggetti quotidiani, che di fascino ne hanno spesso ben poco. La sua attitudine e’ proprio quella di tirar fuori il lato nascosto di questi, accentuandone alcune caratteristiche o giocando con le loro forme. Ci offre dimensioni nuove, scaturite dall’alterazione di quella realta’ immediata alla quale siamo abituati, per lasciarci andare in una condizione in cui tutto e’ possibile.

Per info:055 28.03.68
Web site:
www.studiomarangoni.it

Ludus in fabula – Giochi e Immagini dell’infanzia nell’Antichita’

Fino al 30 Giugno2008
Al Museo Archeologico Nazionale – Salone del Nicchio – Piazza SS. Annunziata – Firenze.
Apertura al pubblico: Lunedi’ dalle 14.00 alle 19.00 – Martedi’ e Giovedi’ dalle 8.30 alle 19.00 – Mercoledi’, Venerdi’, Sabato e Domenica dalle 8.30 alle 14.00.
Ingresso rigorosamente gratuito.

Il percorso guidera’ lo spettatore tra reperti rari, poesie, testi antichi dedicati ai giochi e colleghera’ idealmente e materialmente il Museo all’ Istituto degli Innocenti dove, all’ingresso, sara’ infatti esposto un piccolo Herakles in bronzo di epoca romana ritratto mentre compie la sua prima impresa da bambino prodigioso: strangolare i serpenti mandati a ucciderlo in culla.
I reperti in mostra – una novantina circa – arrivano, per la maggior parte, dalle ricche Collezioni Medicee del Museo Archeologico e a questi si aggiungono altri provenienti dal Museo Archeologico di Chiusi e dal Cantiere delle Navi Antiche di Pisa.


Tanti i reperti in mostra: dalle statuette dedicate da giovani madri alle divinita’ per chiedere assistenza nel delicato momento del parto, ai sonagli in terracotta per i neonati, fino ai giocattoli che accompagnavano i bambini nel difficile passaggio all’eta’ adulta.
Il racconto degli antichi intrattenimenti scorre dai passatempi infantili fino ai giochi d’azzardo degli adulti: dalle bambole per le bambine ai bussolotti per il gioco dei dadi e le pedine, provenienti dalle navi romane di Pisa, che impegnavano i marinai durante le lunghe traversate.

Per info: 055 23.575
Laboratori: 055 24.78.386
Web site:
www.istitutodeglinnocenti.it

———————————————

In alternativa a mostre ed arte:

a 2 Km dall’uscita Ginestra F.na della FI-PI-LI (direz. Montespertoli):

Sagra del bombolone e delle frittelle in Loc. Anselmo – Montespertoli (FI).

Domenica 24 febbraio si tiene la 16 Sagra del bombolone e delle frittelle.
In Piazza Cassara’ saranno allestiti stand gastronomici che offrono ai piu’ golosi bomboloni ripieni e frittelle di riso secondo la ricetta tradizionale.
L’appuntamento si rinnova anche per Domenica 2 e Domenica 9 Marzo.

Ingresso rigorosamente gratuito.

Per Info: 0571 600.228 – Uff. Cultura Comune di Montespertoli

————

Fel

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: -

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com


*