Le sorprese inaspettate di Firenze: Al Sabato del Luxury Lounge si balla e ci si diverte!
Autore: lorenzo | Data di Pubblicazione: 27 feb, 2009 Ora: 12:00 AM | Categoria: After Dinner, Aperitivi, Discoteche e Club, Locali, Ristoranti | Leggi i Commenti

Un paio di mesi addietro ne avevamo gia’ parlato, con Obsession che descriveva il clima e l’atmosfera che si respirava durante l’ora dell’aperitivo.
La scorsa settimana, sempre di Sabato, volevamo vedere come poteva essere la serata regina della programmazione serale del Luxury Lounge di Ponte a Greve, all’estremita’ Ovest del territorio comunale fiorentino, a pochi metri dall’imbocco della FI-PI-LI.
Siamo arrivati nel locale dopo mezzanotte, ed abbiamo trovato tanta gente che si divertiva…

CONTINUA…

Il locale non e’ di grandi dimensioni, o meglio diciamo che la parte di concessionaria adibita a locale serale e’ minima rispetto all’intero ambiente.
Gia’ Obsession, nella sua recenzione, aveva descritto bene l’ambiente, caratterizzato dallo spazio rettangolare definito dalle fuoriserie e dai tavolini ai lati, dal bancone a chiudere in fondo, e dall’isola al centro a creare quel ‘movimento di gente intorno’ vitale per un locale di successo. In realta’, dopo l’aperitivo e le cene, l’isola, che funge da cucina a vista, viene ripulita di ogni addobbo culinario e spenta, tanto da perdere molta di quella sua carica avveniristica..

Tuttavia, oltre a coloro che restano ad ammirare le lotus e le altre spider, piuttosto che ‘sorseggiare’ al bancone o stando invece seduti ai tavolini perimetrali, buona parte della clientela identifica proprio quell’anello di spazio intorno all’isola come dance floor ideale per scatenarsi o semplicemente ondularsi tra una chiacchera, un ammicco, un’intesa (chissa’?!?)…
Ne fuoriesce un qualcosa di esplosivo ma allo stesso tempo non eccessivo, una sensazione di evoluzione della serata che non obbligatoriamente significa stravolgimento della consuetudine e del programma che magari uno si era preposto, in ogni caso il convincimento di esser parte dell’evento-sera.

Tutto il perimetro del quadrilatero che definisce lo spazio del Luxury Lounge e’ sovrastato da un soppalco, che gira appunto intorno all’intero ambiente.
Il soppalco e’ adibito ad ospitare i tavoli per le cene, che diventano prenotabili per il proseguo della serata, anche se, a giudicare dagli ospiti che stavano tutto il tempo appoggiati alla balaustra a guardare di sotto, lassu’ non c’e’ molto di cui divertirsi…
Sul lato del soppalco che sovrasta il bancone del bar, invece, e’ collocata la postazione del dj, che mixa dal suo ‘trono’.

Proprio la musica, e la relativa selezione, appaiono senza dubbio due dei punti forti del locale.. anche perche’, la serata si regge in piedi finche’ la gente balla! Infatti, durante la serata del sabato, abbiamo assistito al ‘delirio’ di gente fino alle 1.30 circa; per poi constatare un progressivo svuotamento che ha condotto il locale per un’altra oretta di programmazione, oltre la quale sono rimasti solo gli irriducibili (tra cui noi).

Il pubblico che frequenta il locale e’ casual e informale, ma sicuramente curato e non trasandato. Buona percentuale di pubblico femminile (che non fa mai male) ed eta’ che si attesta sui 25/35 anni.
Al bar, i prezzi variano tra analcolici, birre e cocktails, fino a giungere agli 8 euro per questi ultimi (durante l’apericena il prezzo della consumazione e’ invece di 10 euro).

Certo appaiono un po’ da rivedere alcuni particolari nella gestione del rapporto con la clientela. Alcuni esempi?
Sabato scorso, nel cercare di avvicinarmi alla cassa per fare lo scontrino, notavo un gruppetto di ragazze e ragazzi che beveva e chiaccherava in quella zona essere mandato letteralmente ‘a quel paese’ dalla cassiera che, in malo modo, li accusava di intralciare il suo lavoro (in realta’, in fila per la cassa eravamo solo in due o tre).
Lo stesso malo modo lo avrebbe, poi, usato qualche secondo dopo anche nel rispondere alla mia richiesta di poter consultare un menu’ con la lista dei cocktails (piuttosto che esercitarmi come al solito nell’elencare al barman di turno tutta una serie di cocktails alla quale sentirmi rispondere ‘non c’e’ questo’, ‘mi manca quello’, ‘Bergomi ce l’ho doppione’) adducendo che, per chissa’ quale suo ragionamento contorto, ‘i menu’ si chiedono solo se si e’ al tavolo e non al bancone’..
Tanto contorto che poi, alla normale contro-domanda: ‘ma allora come posso sapere cosa il bar ha, o non ha?’ e’ seguita la risposta: ‘eh, beh, in effetti i menu’ li stiamo stampando…’; contraddicendosi in meno di dieci secondi.

Ma non mi lamento perche’ al bar, poi, ad Obsession sarebbe successo pure di peggio; con scene del tipo: ‘Un Mai Tai, grazie’.. ‘non ho la granatina (dopo consulto con altro barman)’; ‘perfetto, allora un Mai Tai senza granatina, grazie’… ‘(dopo altri consulti, nuovamente) no, non lo posso fare, mi manca…’

Sempre, del resto, sorvolando sul fatto che all’orario di chiusura (le 3.00 circa) quella trentina di clienti, rimasti sotto la tettoia (fuori dal locale) a ripararsi dalla pioggia aspettando un attimo che scampasse, venivano ‘gentilmente’ invitati a prendersi per intero l’acquazzone ed andarse a…

Per non parlare, ancora, dei (presumo) ‘addetti all’incolumita’ delle autovetture’ che, con scene veramente uscite da film, controllavano a distanza, ma con sguardo attento, tutti quelli che si avvicinavano a meno di trenta centimetri dalle auto.

Cose che possono succedere anche in altri locali (beh, a dire la verita’, magari dubito tutte assieme), ma che certo non si addicono ad un locale che parte con prerogative di stile ed esclusivita’, come il Luxury Lounge.

Il programma settimanale, che ha il suo clou nel weekend, prevede l’aperitivo con buffet a partire dalle 19.30 dal Giovedi’ al Sabato (con annessa possibilita’ di cenare alla carta nei tavoli del soppalco) e serata disco-americanbar, a seguire, fino alle 3.00.

Luxury Lounge – via Empoli, 6 – Firenze.
Per info: 055 73.27.422 – 393 92.11.502 – 339 67.74.222 Stefano Polloni (Gio)
Web site:
www.luxurylounge.it

Voto: 7+. Locale e serata del Sabato Sera da applausi. Da rivedere bar e gestione della clientela. Americanbar frizzante e piacevole, dove si parla e si balla non in compartimenti stagni.

Fel.

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: -

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com


*