Locali vs La Morte del Centro: nasce Viva City.
Autore: lorenzo | Data di Pubblicazione: 3 Gen, 2008 Ora: 12:07 AM | Categoria: Locali | Leggi i Commenti

Per opporsi alle politiche messe in atto ormai da diversi mesi da parte dell’Amministrazione Comunale, che in teoria dovrebbero puntare al decoro cittadino, ma che si rivelano invece destinate solo a far lentamente morire il Centro Storico, gli esercenti della citta’ piu’ bella del mondo (chi e’ che ha fiatato? Ah, ecco, mi pareva..) si uniscono e provano a dialogare con chi detiene il potere legislativo in materia.

CONTINUA…

Sul fatto che Firenze abbia bisogno di regole (da far rispettare, soprattutto, che e’ sempre il punto focale della questione) e che all’evolversi nel tempo di questioni e problematiche non si possa far finta di niente; beh, siamo tutti d’accordo (o almeno lo spero).

Il tentativo messo in essere dall’Amministrazione Comunale di ridare splendore al Centro Storico di Firenze attraverso una serie di misure atte non tanto a risolvere i problemi, ma a fare piazza pulita di qualsiasi possibile attivita’ ricreativa che anche minimamente e indirettamente possa esserne causa, appare come la manifestazione dell’incapacita’ di capire la questione, o almeno del non riuscire a trovare le soluzioni piu’ consone.

Un po’ come amputare un braccio ad un malato di tumore all’unghia; chi decide si dimentica che un uomo, menomato a quel punto dell’arto, non riuscira’ piu’ a recuperare la qualita’ della vita che aveva in precedenza.

Ma e’ poi cosi’ difficile circoscrivere il problema prima alla mano, e per passi successivi al dito e poi all’unghia stessa?

Oppure l’unico modo per evitare gli ubriachi delle 4 di notte con bottiglia di vetro in mano deve essere quello di far chiudere gli esercizi sempre prima.

Un Centro deserto e’ davvero piu’ sicuro e tranquillo di uno con tanta gente che cammina ad ogni ora?

Mi ritorna in mente – e un po’ fa sorridere, ma mica poi tanto – un episodio accaduto uno o due inverni fa, nel quale, alle 23 di un sabato sera, fummo fermati in Piazza Duomo da un gruppetto di turisti che ci chiese dove fosse il Centro di Firenze; e che ascoltata la nostra risposta ‘..questo e’il Centro!..’ ci rifece la stessa domanda altre due volte, pensando di essere stati fraintesi.

In ogni caso, da qualche mese e’ nata – un po’ in sordina, a dire la verita’ – una comunione di locali, denominata ‘Viva City’, che ha deciso di cercare di analizzare nello specifico la questione del degrado e del decoro cittadino, riconoscendo le problematiche mosse da Palazzo Vecchio, e ipotizzando rimedi e soluzioni diverse.

Il fare due chiacchere non si chiamerebbe altro che concertazione, tanto per utilizzare un termine cosi’ in voga in questi anni.

Di seguito riporto i punti del programma dell’Associazione Viva City:

Un Piano di Sviluppo Innovativo del Centro di Firenze. Contro la sua desertificazione, per valorizzarne le attivita’ produttive e commerciali, esaltarne e viverne pienamente la bellezza artistica e storica, nel rispetto e nella tutela dei residenti.

Uno stop definitivo alle misure restrittive e punitive, tipo ‘Zona Blu Estiva Notturna’, peraltro anticipata fuori stagione, uno strumento usurato, considerato da molti osservatori anche inefficace rispetto ai suoi scopi iniziali, e diventato ormai solo un salvagente ideologico sempre piu’ incapace di aggredire i problemi veri del traffico moderno.

La liberta’ di circolazione dei cittadini deve essere uguale per tutti! I residenti nella grande area definita dalla ZTL notturna devono poter ricevere i propri amici e parenti come gli altri cittadini di Firenze, senza essere limitati nella loro liberta’. Le persone devono poter essere riaccompagnate a casa da amici e parenti che non risiedono nell’area delimitata!

Un Si’ convinto invece ad una politica attiva di ristrette ‘Aree Pedonali‘, oggi il nuovo strumento urbanistico al servizio di un ambientalismo moderno e non fondamentalista, capace di coniugare efficacemente mobilita’ e vitalita’, rivitalizzando le aree urbane con isole di vita attrattiva.

Creazione di un tavolo di confronto e lavoro con le associazioni di categoria, i comitati dei residenti e la pubblica amministrazione che abbia come obbiettivo l’equilibrio tra le diverse esigenze e il miglioramento della qualita’ della vita nelle aree del Centro, anche in termini di sicurezza e di raggiungibilita’ delle stesse (parcheggi -navette-comunicazione-ecc.)

No alla criminalizzazione delle attivita’ commerciali serali, spesso additate come foriere di turbativa di ordine pubblico, mentre in realta’ restano l’ultimo baluardo contro i fenomeni di degrado che accompagnano la desertificazione delle zone centrali (vedi San Lorenzo, S. M. Novella, ecc). Piu’ vita serale negli spazi storici della citta’: per sconfiggere le sacche di violenza e malaffare che si insediano proprio dove troppe luci si spengono troppo presto!

L’organizzazione di manifestazioni culturali e sociali di qualita’ per la valorizzazione dell’area del centro cittadino.

La fornitura di servizi di sostegno ai propri associati: consulenze legali e tecniche.

La stipula di un Patto dei Valori tra i soci che renda l’attivita’ dell’associazione meritoria anche ai fini del controllo di qualita’ dei propri prodotti e della sicurezza dei propri ambiti lavorativi.

Per avere la lista dei locali che hanno deciso di aderire all’iniziativa, seguire questo link.

Sperando che la voglia di fare delle persone possa essere di contrasto all’immobilismo e al menefreghismo che molto spesso accompagna le numerose scelte infauste dell’umanita’, diamo indubbiamente il benvenuto ad eventi come questo, che certo non possono che dare speranza a tutti i nightlifers fiorentini.

Certo, ognuno deve fare la sua parte. Soprattutto gli esercenti e i gestori dei locali.

Troppo spesso questo mondo – e mi riferisco a quello della notte in particolare – si culla su un cuscino di clientelismo andando quasi a sfiorare una soffice illegalita’.

Regole giuste ed osservate da tutti, nel rispetto soprattutto dei clienti e dei cittadini che, prima o poi occorrera’ anche spiegarglielo a chi ancora non l’ha capito, sono figure che coincidono.

Web site: www.viva-city.it

Fel.

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: -

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com