” Rosa di plastica” e ”(Sentirsi) Come ad un matrimonio in infradito”
Autore: lorenzo | Data di Pubblicazione: 19 Lug, 2007 Ora: 12:48 AM | Categoria: Locali | Leggi i Commenti

Ecco i due romanzi con cui Maura Cannaviello,enbsp; giovane ma gia’ affermata scrittrice si getta tra i ”meandri oscuri” del grande pubblico. Statene certi, ne sentirete parlare tantissimo!!

Qui le recensioni delle due opere con cui la brava scrittrice si presenta a ”FirenzeDaBere”.

E noi , platealmente, tifiamo per lei!!

CONTINUA..

(Sentirsi) Come a un matrimonio in infradito

enbsp;

Prefazione

enbsp;

‘Non mi stupirei se tra qualche anno vedessi questo libro ridotto, per la lungimiranza di un giovane regista ispirato, in una sceneggiatura cinematografica per un film di sicuro successo.

‘(sentirsi) Come a un matrimonio in infradito’, infatti, ha tutti gli elementi per essere interpretato come un testo letterario ma anche tutte quelle caratteristiche che fanno di un racconto il ‘canovaccio’ ideale in grado di riuscire a trasportare il lettore fino in fondo a quella che e’ la vita e l’intensita’ delle passioni di ciascun personaggio.

E cosi’, come succede al cinema, la trama letteraria smette di essere una semplice narrazione scritta per trasformarsi in un ‘veicolo’ visivo ed emozionale che, fin dalla prima pagina, rapisce ed imprigiona il lettore in quella ‘girandola di emozioni’ di cui sono protagonisti e vittime tutti i personaggi del testo.

Utilizzando un linguaggio moderno e a tratti dalle sfumature crudeli ed essenziali, l’autrice dimostra di conoscere alla perfezione il modo di esprimersi dei piu’ giovani e di saperlo tradurre in costruzioni verbali e lessicali – come la descrizione della colazione tipo al bar di un qualsiasi giovane degli anni ’90 con cappuccino, brioche, sigaretta, caffe’, sigaretta – e che danno al libro il ritmo, la consistenza, la freschezza e la veridicita’ di un racconto che ognuno puo’ aver ascoltato, per caso, narrato dal vicino di poltrona, durante un viaggio in treno, o dall’amico di un amico appena conosciuto al pub.’

enbsp;

enbsp;

Rosa di plastica

enbsp;

Prefazione

enbsp;

enbsp;

‘La caducita’ delle cose, l’effimero del bello, l’incertezza della vita e le mille domande sull’esistenza. Maura Cannaviello fa il ”salto” letterario dal suo primo racconto lungo e passa dal quesito giovanile del ”che ne sara’ di noi” al quesito esistenziale del ”chi saremo ancora noi”.

Rosa di Plastica e’ un viaggio letterario e nell’immaginato che porta il lettore a vivere e sentire le gioie, le ambizioni, gli insuccessi e le aspirazioni di una giovane e rampante modella, pseudoendash;attrice e conduttrice catalana, tra gli ambienti di ”addetti ai lavori” e il tanto inutile affannarsi per convincere, innanzitutto, se stessi di non stare vivendo una vita del tutto vuota e inutile.

enbsp;

Maura Cannaviello in Rosa di plastica fa quello che potrebbe fare un sociologo di massa o un giornalista che vuole presentare un reportage tra i piu’ veritieri o un appassionato di cortometraggi e con la sua macchina da presa, il taccuino e la polaroid si insinua in questo mondo e lo trasmette al lettore ricco e completo di ogni sua sfaccettatura; e il racconto allora diventa inchiesta e denuncia di un ”decadimento” dei costumi e della nostra societa’ attuale e di un mondo sempre piu’ crudele, artefatto, ingannevole, perdente.

La location scelta da Maura delle passerelle di moda e delle feste a base di cocaina e iniezioni di ”botox”, infatti, finisce per diventare nient’altro che un semplice pretesto per raccontare e rendere conto di un mondo fittizio e decadente, fatto di giovanissime modelle che si fanno saltare il ”ciclo” pur di essere in perfetta forma per il giorno delle sfilate, di produttori e finanziatori stretti nel ricatto di piccole amanti senza scrupolo e senza morale, di rapporti di amicizia basati sulla falsita’ e sul tornaconto reciproco e soprattutto di legami di amore e familiari che si posano su menzogne reciproche e su ambizioni fallite e trasferite a discapito di valori piu’ alti e dignitosi da madre in figlia, da fidanzato a fidanzata. Una diapositiva estremamente realistica e drammatica e nello stesso tempo una denuncia dell’effimero e della caducita’ di esso che la giovane Maura C. porta avanti con una lucidita’ e una bravura assolutamente perfette. In Rosa di plastica torna l’abilita’ e la capacita’ dell’autrice di (sentirsi) Come a un matrimonio in infradito, precedente e fortunato lavoro di Maura Cannaviello che sembra ”tornare” a sprazzi nel linguaggio curato ma attuale, ricco di termini scientifici e tecnologici tra il vero e il maccheronico, nella capacita’ di presentare ai coetanei usi, modi e abitudini del terzo millennio e nelle citazioni di brani musicali e di artisti contemporanei. La bella novita’ di questo lungo racconto e nuovo lavoro dell’autrice e’ proprio la didascalia di alcuni testi di famosi brani che intervallano il testo e che ”aiutano” il lettore nell’immedesimazione della trama e servono agli amanti della munisca e conoscitori dei generi per fare un giusto parallelo tra l’azione raccontata e la colonna sonora immaginata.’enbsp;

Web site: www.maura.it

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: -

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com