Summer Suite : This must be the Place (?)
Autore: Obsession | Data di Pubblicazione: 3 giu, 2012 Ora: 02:21 PM | Categoria: After Dinner, Aperitivi, Drinks, Cocktails & Beverages, Lifestyle, Locali, Nightlife | Leggi i Commenti

Serviva, come l’acqua al deserto:  un nuovo posto, un modo diverso e normale di tornare alla piacevolezza dell’uscita serale, di gustarsi i tramonti sull’Arno, di sdraiarsi su un divano bianco dimenticandosi se la location è Copacabana, il Kenia o il Medio Oriente, ma con il solo ed unico gusto di recuperare energie, di gustarsi un momento di svago.

Le sensazioni del nuovo Summer Suite sono queste: un’ondata di freschezza, citando jingles anni’80 mai troppo fuori moda.

Nell’epoca di ZTL notturne, patenti a punti per locali (..), locali congestionati da file disumane spesso artificiali e percorsi dedalici all’interno conditi da strattonamenti  e voglia d’andar via, trovarsi di fronte ad un locale piacevole, “normale”,  elegante senza strafare, è talmente clamoroso da apparire un’impresa eccezionale. Che, come diceva il buon Lucio, è appunto “essere normale”.

Ora, non fraintendiamo il concetto di normalità come se fosse mediocrità: no, anzi, qui per normalità s’intenda la voglia di restituire alla gente della notte l’idea di uscire “per il gusto di uscire”, un modo di ritrovare amici, benessere, svago.

La location è notevole: li, vicino dove un tempo sorgeva “Villa Kasar”, tempio indimenticato della Firenze dance dello scorso secolo, divenuta poi un non fortunatissimo “EscoPazzo” (ditemi dove deve andare un locale che si chiama così) , dopo tempo, incendi e vicissitudini di diversa natura ecco alla fine la possibilità di riproporre un luogo di entertainment . In riva all’Arno, su una lingua di terra che ben si presta a questo tipo di situazioni.

Divani bianchi, poltrone, tavolini, mezzelune “al neon” su cui sedersi,  tappeti lungo i percorsi come a voler ribadire “un sapor mediorientale” , gazebo morbidi in versione “kitch” con vistosi lampadari pendenti al centro (verranno forse dalla Suite “original”? ad ogni modo, idea divertente). Musica piacevole e non invasiva, spazio per ballare e parlare, sia nel volume che nella distribuzione degli arredi.

Piacevole. E nuovo, a modo suo. Nel ribadire temi già visti, il Summer Suite si discosta dal normale modo di fare notte fiorentino lanciandosi lì dove altri sembrano all’inizio provarci per poi perdersi per strada. La novità sta nel non cercare di andare oltre: è un locale per fare serata, non ha la presunzione di essere discoteca, non ha l’interesse di creare posticce file all’ingresso per dimostrare “che dentro c’è gente”: chi arriva qui, lo fa perché ha voglia di star bene. Ed il locale ben si presta a questo scopo.

Fascia d’età eterogenea, tra i 25 ed i 45: lupi solitari, gruppi in “pre-disco”,  amiche ed amici sdraiati sui divani o poggiati alla staccionata lungo il fiume. Bello.

Cocktails a 7 euro ( onesto), aperitivo che non abbiamo visto ma che, con la location creata, ben si presta a concorrere non solo con l’ambito fiorentino, ma anche con quello versiliese. Un tocco di Sunset  emotions che potrebbe fare la differenza.

A noi è piaciuto. Elegante ma non troppo, piacevole ma non stucchevole, curato ma non eccessivo,  un mix di elementi noti dove la differenza la fa il gusto della disposizione e la predisposizione a non eccedere.

Se non si perdono per strada, inseguendo formule e metodi già in uso in altri locali, il “Summer Suite” ha tutte le carte in regola per conquistarsi una posizione predominante nello scenario fiorentino di questa “silenziosa” (per imposizione) estate 2012.

E’ un esordio con stile.

Voto: 8

Obsession

Summer Suite -  Lungarno Colombo 9 – Firenze

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: - Di origine cartaginese, possiede in casa un altare dedicato ad Alberto Sordi e nei riti vodoo evoca lo spirito di Lino Banfi per essere ispirato.Sogna Novoli come una nuova Pigalle ed è promotore della legge per la riapertura delle case chiuse a favore di universitari fuorisede e fuoricorso. Coinquilino del conte Mascetti e di Picchio De Sisti, fu ingiustamente accusato da Daniel Passarella del furto delle monete del Porcellino a fine anni '80. Vanta un caffè offerto da Batistuta ed il record mondiale di neologismi tosco-calabri. Respira a sua insaputa.

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

I lettori hanno aggiunto 1 Commento
Have Your Say
  1. [...] solo: la Suite quest’anno parte con una rincorsa lunga un’estate. L’estate della Summer Suite, la nuova esperienza proposta del medesimo staff del locale che ha conosciuto un notevole successo [...]

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com


*