Volterra – una meta da tenere nel taschino
Autore: lorenzo | Data di Pubblicazione: 14 Apr, 2007 Ora: 03:15 PM | Categoria: Locali | Leggi i Commenti

Si sa che per Pasquetta il classico e’ la scampagnata, soprattutto se il tempo meteorologico assiste. Quest’anno certo non ci si e’ potuti lamentare

In carnet c’erano varie opzioni, ma alla fine abbiamo scelto per la cittadina medioevale che domina dall’alto la val di Cecina.

CONTINUA…

Volterra fa da crocevia tra le Strade Statali SS68Poggibonsi – Cecina e SS439 Lucca endash; Pontedera endash; Follonica. Questo implica che si trovi geograficamente un po’ fuori dalle grandi arterie stradali; senza dimenticare che e’ oramai dismessa la linea ferroviaria che la collegava a Saline e da qui a Cecina. Se si vuole raggiungere con i mezzi pubblici non resta quindi che affidarsi alle linee di autobus locali.

La cittadina vive soprattutto sul suo antico borgo medioevale, ancora ben conservato e per molti versi intatto. Intorno alle mura duecentesche sulla strada che le costeggia si trovano vari punti per poter posteggiare l’auto, ma nonostante questo nelle giornate clou il problema parcheggio emerge, o almeno cosi’ e’ capitato a noi

I punti di interesse sono tanti, a partire dalla Cattedrale di Santa Maria (un tempo sede Vescovile) col Battistero e la Piazza San Giovanni, secondo un uso urbanistico tipicamente toscano, la Piazza dei Priori che costituiva il centro politico nel periodo medioevale, la Fortezza Medicea oggi adibito a struttura di detenzione, il Parco Archeologico con tanto spazio per distrarsi e riposarsi o fare un pic-nic nel verde, l’antico Teatro Romano

enbsp;

Ma altrettanto bello e’ infilarsi nei vicoletti che salgono e scendono per i pendii, con tanti scalini da fare e rifare, alzando gli occhi e osservando gli archi che ogni tanto compaiono e che servivano a dare stabilita’ ai vari edifici, facendo forza l’uno sull’altro, oppure camminare lungo le mura, da una Porta di accesso della citta’ all’altra

La conservazione del Borgo e’ pregevole, e si ha proprio il senso che molto fanno anche i cittadini per mantenerla in questo stato.

La parte della citta’ piu’ frequentata dai turisti resta comunque quella centrale, la Volterra della prima cerchia muraria risalente al V secolo V e il cui perimetro e’ oggi segnato dal Piano di Castello, Porta all’Arco, via Roma, via Buonparenti, via dei Sarti e via di Sotto.

enbsp;

E’ un posticino che mi sento di consigliare per la classicagitarella fuori porta

Fel

Web site: www. comune.volterra.pi.it

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: -

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com