La grafica di Paolo Gubinelli insieme alle poesie inedite di Adonis, fino al 22 Febbraio in Piazza Ognissanti
Autore: lorenzo | Data di Pubblicazione: 10 feb, 2009 Ora: 02:32 AM | Categoria: Arte e Architettura, Mostre e Spettacoli | Leggi i Commenti

Fino a Domenica 22 Febbraio 2009, presso l’Istituto Francese in Piazza Ognissanti, sara’ possibile assistere alla mostra che accosta gli elaborati e le tecniche grafiche della trentennale attivita’ artistica di Paolo Gubinelli alle poesie, inedite e scritte in italiano, del poeta siriano Ali Ahamd Said, piu’ conosciuto con lo pseudonimo di Adonis.

Ovviamente, l’evento qui segnalato da FirenzeDaBere, e’ ad ingresso gratuito.

CONTINUA…

PAOLO GUBINELLI – opera grafica accompagnata da poesie inedite di ADONIS
Istituto Francese di Firenze.
Fino al 22 Febbraio.
Orario: dal Lunedi’ al Venerdi’, dalle 10.00 alle 18.00.
Ingresso rigorosamente gratuito.

Paolo Gubinelli ha sviluppato un progetto grafico di opere originali su carta, incise e acquerellate, accompagnate da poesie inedite in italiano del grande poeta Adonis.
Nella sua attivita’ artistica Gubinelli e’ andato molto presto maturando, dopo esperienze pittoriche su tela o con materiali e metodi di esecuzione non tradizionali, un vivo interesse per la ‘carta’, sentita come mezzo piu’ congeniale di espressione artistica: in una prima fase opera su cartoncino bianco, morbido al tatto, con una particolare ricettivita’ alla luce, lo incide con una lama, secondo strutture geometriche che sensibilizza al gioco della luce piegandola manualmente lungo le incisioni.

In un secondo momento, sostituisce al cartoncino bianco, la carta trasparente, sempre incisa e piegata;
o in fogli, che vengono disposti nell’ambiente in progressione ritmico-dinamica, o in rotoli che si svolgono come papiri su cui le lievissime incisioni ai limiti della percezione diventano i segni di una poesia non verbale.
Nella piu’ recente esperienza artistica, sempre su carta trasparente, il segno geometrico, con il rigore costruttivo, viene abbandonato per una espressione piu’ libera che traduce, attraverso l’uso di pastelli colorati e incisioni appena avvertibili, il libero imprevedibile moto della coscienza, in una interpretazione tutta lirico musicale. Oggi questo linguaggio si arricchisce sulla carta di toni e di gesti acquerellati acquistando una piu’ intima densita’ di significati.

Adonis e’ poeta e studioso di poetica, ed e’ considerato il caposcuola dei nuovi poeti arabi. La sua poesia, di tono fortemente sociale e politico, e’ amata soprattutto dai giovani ed e’ stata definita una poesia dei luoghi poiche’ luoghi quali Marrakech, Fez e Cairo diventano simboli dei sentimenti provati dal poeta. Poeta del paradosso e dell’estremo, Adonis ama affermare che la scrittura e’ l’opposto della poesia, poiche’ un testo poetico incorpora una molteplicita’ di livelli, linguaggi, forme espressive e ritmi.

Brevi Biografie:

Adonis nasce Ali Ahamd Said nel 1930 in Kassabeen, in Siria e adotta lo pseudonimo di Adonis all’eta’ di diciassette anni. Nel 1955 viene imprigionato per sei mesi per la sua attivita’ politica come membro del Partito Socialista siriano, si trasferisce in Libano, acquisendo la cittadinanza libanese.
Nel 1960 riceve una borsa di studio a Parigi e dal 1970 al 1985 e’ professore di Letteratura Araba presso
l’Universita’ Libanese.
Nel 1976 insegna alla Damascus University e nel 1980 insegna arabo alla Sorbona. Ha in seguito insegnato e tenuto corsi presso molte universita’ occidentali e si e’ stabilito definitivamente a Parigi dal 1985.

Paolo Gubinelli, nato a Matelica (MC) nel 1945, vive e lavora a Firenze. Si diploma presso l’Istituto d’arte di Macerata, sezione pittura, continua gli studi a Milano, Roma e Firenze come grafico pubblicitario, designer e progettista in architettura. Giovanissimo scopre l’importanza del concetto spaziale di Lucio Fontana che determina un orientamento costante nella sua ricerca: conosce e stabilisce un’intesa di idee con gli artisti e architetti: Giovanni Michelucci, Bruno Munari, Agostino Bonalumi, Alberto Burri, Enrico Castellani, Piero Dorazio, Umberto Peschi, Emilio Scanavino, Edgardo Mannucci, Mario Nigro, Sol Lewitt, Giuseppe Uncini, Zoren. Partecipa a numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero.
Le sue opere sono esposte in permanenza presso Musei Pubblici e Privati, Biblioteche, Pinacoteche, Spazi Pubblici e Privati.

Istituto Francese c/o Palazzo Lenzi – Piazza Ognissanti, 2 – Firenze.
Per info: 055 27.188.01
Web site:
www.istitutofrancese.it

Fel.

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: -

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com


*