Lucia Poli in “Il fantasma di Canterville” – 21/22/23/24/28 Febbraio e 1/2/3 Marzo Teatrodi Rifredi
Autore: Nick | Data di Pubblicazione: 12 Feb, 2013 Ora: 06:45 PM | Categoria: Mostre e Spettacoli, Teatro | Leggi i Commenti

lucia poli firenzeIl fantasma di Canterville è forse il racconto più famoso di Oscar Wilde, sicuramente il più divertente per l’insolita accoppiata di humour e horror. Narra le vicende di una rumorosa famiglia americana, i signori Otis, alle prese con l’aristocratica presenza di un fantasma inglese, ovvero l’ombra di Sir Simon de Canterville.
La signora Umney, la compunta governante, accompagna i nuovi padroni del castello all’interno della proprietà, fornisce spiegazioni circa una misteriosa macchia di sangue, testimonianza di un delitto compiuto alcuni secoli prima, poi, quando il giovane Washington Otis cancella la macchia con un pratico stick tascabile, sviene e sparisce di scena. La narrazione passa in carico ad altri personaggi…
Invece, nella riscrittura che Ugo Chiti ha fatto su misura per un’attrice atipica come Lucia Poli, la governante, da semplice prologo, diventa protagonista assoluta: una #figurina dal tono dimesso, accorato, ma talmente appassionata nei confronti della propria tradizione leggendaria, da diventare un rifl#esso in tono minore del fantasma, un corpo facile da attraversare, possedere, per dare voce e presenza scenica al fantasma stesso. Lucia Poli-governante #finisce per “duettare” con Lucia Poli-fantasma di Canterville. A questo delirante blaterare si oppone la piatta razionalità della famiglia americana che, per eccesso di pragmatismo, non sa riconoscere la dimensione dell’immaginario.

Pupi e Fresedde – Teatro di Rifredi – Teatro Stabile di Innovazione presentano:
“Il fantasma di Canterville – Secondo la Signora Umney”
di Ugo Chiti – liberamente tratto da Oscar Wilde – regia di Lucia Poli
con Lucia Poli e Simone Faucci, Lorenzo Venturini
musiche di Andrea Farri – elementi scenici e costumi di Tiziano Fario – luci di Alfredo Piras – sartoria Concetta Assennato – video Sara Pozzoli
hanno partecipato alla registrazione delle musiche: Walter Palamenga (voce) Ermanno Dodaro (contrabbasso) Simona Sanzò (narratrice)

Biglietteria: intero 14€, ridotto 12€ (+ prev.)
Quando: 21/22/23/24/28 Febbraio e 1/2/3 Marzo Spettacoli ore 21.00 – domenica ore 16.30
Dove: Teatro di Rifredi – via Vittorio Emanuele II, 303 – Firenze – Tel. 055.422.03.61 – www.teatrodirifredi.it
Per info: www.teatrodirifredi.it
Biglietti: www.boxol.it

Quello che hai appena letto è un ARTICOLO INFORMATIVO, fatto di notizie e programmi; oppure è una RECENSIONE, scritta dall'Autore in piena autonomia e senza condizionamenti, fatta di opinioni e osservazioni che lo stesso Autore ha riscontrato partecipando all'evento (o avendo frequentato il locale) come un qualsiasi cliente.

Autore: - Fin da piccolo appassionato a tutto ciò che è spettacolo, comincia la sua carriera come presentatore di fenomeni da baraccone. In questa veste viene notato da un noto talent scout di Mediaset che gli propone un programma televisivo in prima serata. Sedotto dalla figlia di questi, commette l'errore di metterla incinta. Immediatamente diseredato dall'incarico, viene retrocesso al ruolo di "curatore d'immagine" di Cesare Cadeo. Oggi arrotonda lo stipendio, per altro molto misero, curando la sezione Mostre e Spettacoli per FirenzeDaBere.

I contenuti presenti su questa pagina web sono di proprietà di FirenzeDaBere, se non diversamente indicato. I contenuti, o parte di essi, possono essere utilizzati senza richiedere autorizzazione preventiva solo ed esclusivamente riportando la dicitura "tratto da www.firenzedabere.it" in calce ai contenuti. Inoltre, qualora i contenuti, o parte di essi, vengano riportati su una pagina web, la dicitura di cui sopra dovrà  essere corredata dal link alla pagina dalla quale sono stati prelevati i contenuti.

Condivi quanto scritto in questo articolo? Lascia un tuo commento personale

Inserisci Nome e Email. Dal tuo secondo commento la pubblicazione sara' automatica e in tempo reale. Per associare un avatar al tuo commento usa it.gravatar.com